Usucapione

cos'é e come funziona ?
Risultati della ricerca

L’usucapione di un immobile, come funziona ?

Postato da Spina&Marchei on 9 Ottobre 2020
| 0

Valentina Rubertelli, del Consiglio Nazionale del Notariato , spiega cosa si intende per acquisto di un “immobile per usucapione”.

“Al contrario di molti altri diritti – spiega Rubertelli – la proprietà non si prescrive mai. ​Questo significa, tanto per fare un esempio, che non perderò la proprietà della mia casa anche se la lascio vuota per diversi anni al punto da apparire agli altri come se fosse abbandonata.​​Ma se, nel mentre, qualcuno in modo indisturbato ci entra e la inizia ad abitare alla luce del sole per 20 anni continuativi senza che io ne rivendichi la proprietà (ad es con una diffida a lasciarla libera o a pagare un canone di locazione) allora sì che potrei perdere la proprietà e chi la occupa poter dimostrare di averla acquistata per usucapione”.

“Per aversi usucapione – continua Rubertelli – devono combinarsi due fattori:​ una condotta passiva del soggetto che ne è formalmente titolare​ e una condotta attiva del soggetto che lo inizia a possedere materialmente​. Occorre che il possesso sia:​ continuato (quindi se voglio interrompere il termine per il formarsi dell’usucapione, basta che mandi a chi occupa la casa una lettera con diffida a lasciarla);pacifico e indisturbato (quindi se chi entra in casa mia lo fa con la violenza, non potrà invocare l’usucapione)​, per 20 anni”

“Si parla di acquisto a titolo originario per differenziarlo dall’acquisto a titolo derivativo, dove, per diventare proprietario, devo “derivare” il mio diritto da chi ne è titolare il quale manifesta, con la firma di un contratto (compravendita, donazione) la volontà di trasferirmelo.​ Chi acquista per usucapione prescinde dalla volontà del proprietario di trasferire, perché perfeziona la sua posizione attraverso un comportamento di fatto: di qui l’espressione ‘acquisto a titolo originario'”

​Dalla locazione al comodato all’usucapione?

“Se concedo con un contratto scritto ad un mio amico l’uso di casa a titolo di comdato gratuito o in locazione non ne perderò mai la proprietà, neanche dopo 20 anni.​Potrei correre questo rischio se scaduto il comodato non lo rinnovo, né richiedo in restituzione le chiavi; oppure se il locatario smette di pagare i canoni ed io non li pretendo più neanche con una lettera di un avvocato: è cioè necessario che il proprietario se ne disinteressi e l’utilizzatore smetta di riconoscerlo come proprietario e inizi a comportarsi come se lo fosse lui a pieno titolo.”

“Se ho maturato i requisiti per l’acquisto della proprietà a titolo di usucapione, potrò farli valere nei confronti dei terzi, a pieno titolo, solo ottenendone il riconoscimento da parte di un giudice che la pronuncia con sentenza dopo un giudizio civile contro il proprietario.​ In alternativa posso ottenere un accordo di concilizione regolarmente trascritto”

“Senza una sentenza o un accordo di conciliazione posso vendere ugualmente il bene che ho usucapito, ma devo assolutamente informare l’acquirente della mancanza di detto titolo di riconoscimento, il quale deve quindi in atto dichiarare di esserne consapevole e di voler comunque acquistare ‘a proprio rischio e pericolo'”.​L

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Confronta Annunci